EMMA Alle porte della solitudine di Giovanna Fracassi

EMMA Alle porte della solitudine di Giovanna Fracassi (Codice: 9788865914557)

EMMA Alle porte della solitudine di Giovanna Fracassi

zoom Zoom immagine

Emma è un nome di fantasia, ma non è immaginaria la donna alla quale è dedicata questa mia nuova silloge. Si tratta di mia madre che mi ha lasciata ormai da anni. Purtroppo ancora prima, la malattia dell’Alzheimer me l’aveva irrimediabilmente allontanata, rinchiudendola in quella solitudine, alle soglie della quale, io sono rimasta e che ha fatto da contraltare a quella mia di figlia impotente. Perché ci sono assenze, ci sono abbandoni che non possono essere consolati e meno che mai colmati.

 

Emma è una raccolta di poesie in cui tornano i temi a me cari estesi a tutti quei momenti della vita di una persona nei quali si fa più acuta la consapevolezza della ineludibile e sostanziale solitudine dell’essere umano, attraversata da brevi momenti di condivisione e di appartenenza con altre anime in viaggio in questa vita meravigliosa ma a termine.

La solitudine rappresenta l’isolamento. È un’emozione spiacevole che colpisce la persona in misura maggiore. Ciò si verifica a causa del divario di comunicazione con la persona interessata con le risorse umane esterne. Non è esattamente l’assenza delle persone intorno. Una persona sola si sente sola anche se è circondata da altri esseri. Questa solitudine è dovuta ai membri della famiglia personale, al problema di salute personale e alla mancanza di comunicazione, alle relazioni infruttuose e al vettore. Le ragioni dettagliate della solitudine di una madre sono raffigurate e cliccaqui per informazioni. È da questa maternità solitaria che si sentono le difficoltà di perdita dell’amore e delle cure da parte dei familiari e degli amici.

Ecco quindi che la solitudine di mia madre diventa l’emblema di ogni solitudine: quella conseguente alla perdita dei propri cari, degli amici, dell’amore, della fede, della speranza quando tutto sembra sia perduto. Ma ancora una volta la mia visione della vita si apre al fine ultimo che sempre muove l’animo umano: l’anelito all’infinito. Questo è ciò che può dare senso pure al dolore, alla mancanza, all’assenza e all’attesa.

Perché ognuno sa e deve credere di appartenere al flusso del divenire dell’universo, a quel moto perenne in cui nulla va perduto per sempre, ma ogni particella di ciò che siamo, siamo stati, e tutto ciò che abbiamo provato, pensato, le lotte per i nostri ideali, le nostre gioie e le nostre infelicità contribuiscono, come tante particelle, a perpetuare il meraviglioso miracolo della vita.

 

Giovanna Fracassi

 

Prezzo: 10.00 EUR