Mark drusco.

Autorizzare è una parola potente. Aggiungendo forza alla parola, conferisce implicazioni accademiche, sociali e finanziarie. È il ruolo che ha la responsabilità dell’opera pubblicata. Ad alcuni contributori viene assegnato lo stesso ruolo di autore. Anche loro condividono alcune delle responsabilità dell’autore e hanno pari dedizione. Poiché la paternità non implica nella comunicazione ciò che i contributori hanno fatto di una singola persona come autore. Alcune riviste pubblicano le informazioni sui collaboratori. Questa è una cupola sulla raccomandazione e la richiesta. Sono le persone che hanno contribuito con la loro parte per il contributo. Gli editori sono fatti per attuare la politica di contributo e questo corregge molta ambiguità. Ci sono 4 criteri su cui si basa questa paternità. Questi criteri dovrebbero essere obbligatoriamente soddisfatti dalla persona che svolge il ruolo di autore. Una volta soddisfatti i criteri, allora la persona in particolare è detto di essere pronto a prendere il lavoro.

Contributo all’analisi o alla progettazione del lavoro o all’acquisizione o interpretazione dei dati allineati al lavoro.

– Processo di revisione critica del contenuto intellettuale.

Approvazione della fase finale del documento da pubblicare.

Un accordo su tutti gli aspetti responsabili del documento in materia di questioni in conformità con l’accuratezza e l’integrità sono risolti e studiati.

Questo criterio non è un processo di rifiuto. La persona che qualifica i primi criteri ma fallisce nel resto è approvata per il gioco il ruolo di posti di lavoro come revisione, redazione e lavoro per quanto riguarda l’approvazione finale del lavoro.

A parte le opere dei coautori, l’autore deve sapere con certezza quale parte dell’articolo si occupa di quale coautore. L’autore deve essere pienamente fiducioso circa l’integrità del lavoro che viene fatto e realizzato.  I coautori sono anche impliciti nel seguire alcuni dei criteri e fare clic per la fonte per conoscere in dettaglio. Allo stesso modo, la persona responsabile di una parte del lavoro coinvolgerebbe in tutto il processo come l’analisi, la revisione, l’accettazione dei critici e la risoluzione del problema troppo. È un vasto campo di lavoro. Si tratta quindi della collaborazione di molti collaboratori, coautori e colleghi sul posto di lavoro o di ricerca.

Nel complesso è nelle teste dell’autore che guarda attraverso il suddetto processo di lavoro, verifica se le persone soddisfano i criteri e la collaborazione tra i lavoratori.

Anche i contributori che non soddisfano i criteri per essere un autore dovrebbero essere riconosciuti in un modo o nell’altro. Sono detti ai contributori non autori. Essi prestano la mano al supporto amministrativo, alla lettura delle prove, all’assistenza alla scrittura e all’editing linguistico.